Le mascherine: quali scegliere e perchè...
28 MAG

Le mascherine: quali scegliere e perchè...

  • Pubblicato da pselce
  • Visualizzazioni 173

Qual è la vera differenza tra le varie tipologie di mascherine?????

Da quando è iniziata questa pandemia, in farmacia c'è una grandissima richiesta di mascherine, vendute alla popolazione come dispositivi di protezione individuale.

Nel primo periodo della pandemia le mascherine sono diventate introvabili, poichè c'è stato un grande squilibrio tra impennata della richiesta ed esaurimento dei canali di distribuzione. Ma adesso sono tutte tornate regolarmente in vendita ed è bene dunque chiarire le caratteristiche di questi dispositivi di protezione, visto che adesso è diventato obbligatorio il loro utilizzo.

Le classi di protezione offerte dalle mascherine si suddividono in FFP1, FFP2, FFP3 e chirurgiche; FFP è l'acronimo di filtring face piece. Esse sono in grado di filtrare polveri idrofile ed idrofobiche, fumi ed aerosol. Il passaggio di vapori e gas, invece, non è ostacolato.  Ma entriamo nel dettaglio:

Le FFP1 non offrono protezione nei confronti degli aerosol e quindi ovviamente non posso essere utilizzate in questa pandemia. (DA EVITARE IN TUTTI I MODI)

Le FFP2 (o n95) trattengono il 94% delle polveri, fumo e aerosol con dimensioni fino a 0,6 ????m, proteggendoci dai microrganismi patogeni. Sono capaci di bloccare virus, batteri e funghi. In questa pandemia sono sicuramente le più  vendute e possono essere utilizzate anche dal personale sanitario e medico, tranne se ci si trova in prossimità di ambienti dove è previsto il contatto stretto con pazienti infetti.

Le FFP3 (o n99 o n100) hanno praticamente le stesse caratteristiche delle FFP2, ma hanno un potere filtrante almeno del 99%. Offrono la massima protezione possibile e devono essere utilizzate dal personale medico che si trovi a stretto contatto con pazienti contagiati dal virus mentre sono soggetti a procedure invasive, tipo l'intubazione tracheale.

Le mascherine chirurgiche (le più conosciute e vendute anche per loro basso costo di 0.50 cent) sono quelle più commerciali. Servono per trattenere le goccioline di saliva che si espellono mentre si parla e quindi ad evitare il contagio ad persone che si trovino accanto a voi.

Importante ricordare che è assolutamente sconsigliato ma non vietato l’uso di respiratori facciali FFP2 ed FFP3 provvisti di valvola, visto che con queste mascherine è possibile espirare aria infetta. In altre parole se tu sei asintomatico e dunque portatore del virus, puoi mischiarlo ad altre persone vicino a te, visto che quando espiri la valvola si apre. I dispositivi FFP2 ed FFP3 hanno limiti di utilizzo di 10 ore massimo e non potrebbero essere reimpiegati, anche se l’European centre for disease prevention and control (ECDC) ha acconsentito a tecniche di sterilizzazione tramite vapore a 134°C, ozonizzazione ed ossido di etilene per permettere di riutilizzarle ma solo nel caso in cui vi siano difficoltà di approvvigionamento.

Di seguito un video simpatico del dr Alessandro Gasbarrin, che ci spiega in pochi secondi le differenze tra le varie mascherine!!!!



Tags:

Lascia un Commento